Konitsa

Risalendo il fiume per non molti km ma forse di qualche secolo siamo arrivati al monastero Stomiou dove l’incontro con gli unici due monaci che vi dimorano è stato un assaggio dell’ascetismo e del misticismo che probabilmente ritroveremo molte volte nel nostro viaggio.

Avrebbe dovuto essere una passeggiata, ma complice la pioggia e il sentiero dissestato dalle ultime piene siamo rientrati in paese col buio, affamati e con le gambe a pezzi. Per fortuna una macchina tipo Matiz con a bordo un’intera famiglia si è fermata al segnale dei nostri pollici: nonostante l’affollamento dell’abitacolo e il 20% di pendenza delle strade non si sono fatti scoraggiare e ci hanno caricato. Il mix letale del fumo della loro Marlboro e dei nostri vapori corporei ha trasformato i finestrini in lavagne per la gioia dei loro tre figlioletti. Efharistò!!

Fiume Aoos

Ponte di Konitsa


Cappella del monastero

Il nostro appartamentino

I ragazzi che ci hanno portato da Ioannina a Konitsa